Così non vale

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/02/27/omofobia-spot-di-provita-contro-gender-studies-a-scuola-vuoi-questo-per-i-tuoi-figli/344054/#disqus_thread

Signur!

Annunci

Educare

Conversazione tra fratelli.
“Ciondolino ti posso chiamare papà?” “si, ma solo per giocare, io non sono il tuo papà sono tuo fratello, starò sempre con te e ti vorrò sempre bene ma il tuo papà si chiamava …”e qui parte una descrizione accuratissima con foto del suo papà, io non trovo il modo di dire niente e Ciondolino si rivolge a me e mi spiega “perchè ,vedi mamma, è importante che Casimira non faccia confusione e sappia sempre chi era papà e io glielo voglio ripetere e spiegare ora che è piccola però è anche normale che voglia papà e allora ogni tanto faccio con lei le cose che papà faceva con me e così anche io sento un pò meno la mancanza”.
Oggi Ciondolino compie dieci anni spero un giorno di essere “grande” quanto lui

Lunedì film- Arrivano i dollari

Questo post merita una premessa, non mi intendo di cinema, non sono un’esperta, ma il cinema ha sempre fatto parte della mia vita, mio nonno era un produttore e tutti i suoi figli,cioè mio padre e i suoi cinque fratelli, hanno mangiato cinema a pranzo cena e colazione da quando sono nati a quando mio nonno è fallito ,ma questa è un’altra storia…aggiungiamoci che sono nata e cresciuta a duecento metri dalla rai e quasi tutti i miei compagni di classe erano figli di dipendenti rai o di gente di spettacolo e per finire il condottiero era un montatore e un regista insomma alla fine ,malgrado abbia sempre preferito leggere piuttosto che guardare qualcosa l’ho dovuta vedere;ma anche questa è un’altra storia
Questo film in particolare è il primo che ricordo di aver visto con mio fratello dopo la morte di mio padre ,eravamo assolutamente bisognosi di qualcosa che ci facesse sorridere e la storia dei cinque fratelli Pasti ,ognuno rappresentativo di un peccatuccio (capitale), sono stati per noi la versione cinematografica del prozac. Sordi nei panni del fratello arricchito, che ha ammazzato la moglie contessa ed è diventato conte è fantastico, le sue battute nel film hanno fatto per anni la parte del leone nel codice privato tra me e mio fratello, prima lo odiavo ( Sordi non mio fratello) con questo film non dico che abbia iniziato a piacermi ma ho potuto riconoscerne l’innegabile bravura a rendere simpatici personaggi umanamente orrendi. Gli altri attori ,tranne Taranto e il meraviglioso caratterista che fa il maggiordomo di Sordi, sono francamente poco più che pittoreschi, Isa Miranda sembra la sorella maggiore di Moira Orfei ,distante dalle nostre sex simbol scheletriche e glabre, come Mazzola da Beckham. Per chiudere direi uno di quei film alla fine dei quali non puoi fare a meno di pensare ” si stava meglio quando si stava peggio”.
E con questo vi rimando al lunedì del cinema di iome.https://iomemestessa.wordpress.com/category/lunedi-film/