Ed ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino

Lavoro ,lavoro , lavoro. Cucino come se dovesse arrivare la carestia, tutta roba bio di cui non tocco nulla, mangio solo schifezze, stasera un intera scatoletta di patè di fegato e una birra.persino i miei gatti mangiano meglio.Il pianto mi arriva all’improvviso ,a tradimento per strada, dopo che ho lasciato Ciondolino a scuola, ieri davanti al mio capo che ha detto ” finalmente cazzo!”. cerco di fare il punto ma non ne ho voglia, e so che è cambiato tutto tranne me…Dormo insieme ai bambini e mi sveglio in mezzo alla notte e ricomincio a cucinare.
È tutto.

Annunci

7 thoughts on “Ed ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino

  1. E’ tremendo, ma devi passarci attraverso a tutto questo….prima o poi andrà meglio…il tempo farà la sua parte. Ti abbraccio e sfogati piu’ che puoi, anche cucinando in piena notte, se necessario, o piangendo davanti al tuo capo.

  2. Dormire coi bambini è la meglio terapia per tutto. Io la pratico assiduamente. Se fossí lí vicino verrei a mangiar schifezze con te, cara.

  3. vero è la miglior terapia.insieme alle schifezze…almeno ogni tanto dai!io ho appena perso mio papà, dopo 2 anni e mezzo piuttosto brutti e stancanti, so che non è assolutamente la stessa cosa, non mi fraintendere e perdonami, ma la sensazione del pianto che arriva all’improvviso la conosco molto bene anche perchè in questi due anni mi sn concessa le lacrime raramente e anche nei giorni della sua morte non ricordo di aver versato una lascrima, ma ora il pianto arriva irruento e prepotente e io vorrei, a volte, vivere in un’isola deserta.anna

  4. C’è il momento in cui sembri assorbire il colpo, agisci, perché non c’è altro da fare, non piangi, perché non ne hai tempo e nemmeno ti riesce. Come un elastico che si tende, si tende, fino a quando raggiunge il punto di massima tensione. Poi inevitabile, arriva lui, il dolore, puro e feroce, misto a rabbia e pensieri terribili. Questo è il momento di piangere, questa è la via da attraversare e non ci sono sconti. Ma possono esserci abbracci, lungo la strada, i sorrisi dei bambini, la Vita che ti prende per mano… e sconosciuti che ti pensano da lontano.

  5. I cibi schifezza aiutano un po’.
    Il profumo dei bimbi addormentati aiuta tantissimo.
    I pensieri degli sconosciuti vorrebbero tanto aiutare….
    Le lacrime sono il dolore che si scioglie, lasciale scorrere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...